Studenti sedicenni diventano docenti Lezioni vere di diversità come ricchezza

Dicono di noi

Studenti sedicenni diventano docenti Lezioni vere di diversità come ricchezza In evidenza

11 Marzo 2017

LEGNAGO. Progetto sperimentale che ha coinvolto gli allievi del corso Socio-sanitario dell'istituto «Medici» di Porto

Organizzate da Lions, Comune, scuole e Ulss 9

La vera ricchezza arriva dal confronto con la diversità. Per questo è opportuno imparare fin da piccoli a rapportarsi con le differenti abilità di ciascuno. Anche di un compagno che sta seduto su una sedia a rotelle, oppure che ha difficoltà a scrivere, a leggere o a comunicare. È partito da qui il progetto sperimentale «Kairós-Alla ricerca di Abilian» lanciato, in linea con l'omonimo Service Internazionale, dal Lions Club di Legnago, con il sostegno dell'Ulss 9, e di sei scuole del territorio. L'esperienza si è concretizzata, nell'ambito dell'«Alternanza Scuola-Lavoro», per 54 ragazzi di due classi terze dell'indirizzo Socio-Sanitario dell'istituto professionale «Medici» di Porto di Legnago. I quali, dopo un periodo di formazione, hanno potuto a loro volta fare da «educatori» a 235 alunni delle elementari degli istituti comprensivi di Legnago 1, Minerve, Cerea, Sanguinetto e Casaleone. «L'elemento distintivo del progetto», ha spiegato il presidente Lions, Emanuele Nascimben, «è che ad avvicinare i bambini al tema della diversità sono stati degli studenti di 16 anni. Tutto ciò è stato possibile grazie ad una fitta rete di collaborazioni tra Lions, scuole, Comuni e l'Ulss 9 che ha dato maggior valenza istituzionale all'iniziativa». Tanto che, «il progetto», ha sottolineato Raffaele Grottola, direttore dei Servizi Sociali dell'Ulss 9 Scaligera, «è stato inserito nel Piano di Zona dell'azienda sanitaria. Il lavoro svolto ha infatti dimostrato il ruolo educativo della scuola, anche in un settore come quello della prevenzione per cui a volte, al di là delle parole, non sempre si arriva a dei risultati concreti».Coordinati dai docenti Maria Luisa Mele e Simone Malavasi e guidati dall'esperto esterno Erasmo Gastaldello, i 54 allievi del «Medici» hanno approfondito i concetti di uguaglianza e di diversità, pregiudizi e stereotipi sull'handicap, ma anche i metodi più efficaci per sensibilizzare bambini normodotati sulle difficoltà quotidiane dei loro coetanei che sono invece disabili: come ad esempio l'uso della musica, particolarmente apprezzata dai piccoli, della pittura, del linguaggio del corpo, e delle tecniche di truccabimbi. Il Lions Club legnaghese ha invece finanziato l'acquisto del materiale didattico necessario.Attraverso la storia di alcuni animali che con le loro avventure conducono a riflettere sulla ricchezza portata dalle diversità, gli alunni si sono messi alla prova in vari laboratori condotti, appunto, dagli studenti del Socio-Sanitario. «Un aspetto, questo, di grande importanza», ha concluso il dirigente del Medici Stefano Minozzi, «che ha permesso ai nostri allievi di coprodurre le attività e di imparare a rapportarsi con i più piccoli, responsabilizzandosi».

Letto 726 volte Ultima modifica il Sabato, 11 Marzo 2017 20:02

Indirizzo

La sede dell'Istituto Giuseppe Medici si trova in:

  • Via Nino Bixio, 49
    37045 Legnago - VR
  • Coordinate: Lat. 45.200078, Long. 11.31774
  • Codice Univoco per la fatturazione elettronica: UFTFPK

Contattaci

Questi sono i nostri recapiti: non esitare a contattarci!

  • Telefono e fax: (+39) 0442 20036
  • Telefono e fax: (+39) 0442 28563

Connettiti con noi!

Siamo sui principali Social Network. Seguici e rimani in contatto.

Rete delle scuole agrarie del Triveneto

Rete Nazionale degli Istituti Albeghieri

Consorzio Istituti Alberghieri del Veneto

Association Europeénne des ecoles d'Hôtellerie et de Tourisme

Se usi questo sito, accetti il modo in cui utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza. Il nostro sito non fa uso di cookie di profilazione.
Garante Privacy - Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie